Graduatorie – Graduatorie all time Emilia-Romagna. Cosa è cambiato nel 2014? Juniores maschili e femminili

Seconda parte dell’analisi delle graduatorie di fidalemiliaromagna.it. con le novità ai piani alti delle liste juniores maschili e femminili.
Lorenzo Dallavalle
Al 31 marzo scorso sono solo tredici i ragazzi che sono riusciti a entrare fra i primi dieci di tutti i tempi e in quattro casi si tratta di atleti che erano ancora Allievi.
Due sono triplisti: Tobia Bocchi (il cui 16.04  di Rieti rappresenta al tempo stesso il nuovo primato Allievi e Juniores) e Andrea Dallavalle, salito al sesto posto grazie al 15.19m con cui poche settimane fa ha conquistato il titolo indoor. Il 15.92m  con cui Dallavalle “senior”, Lorenzo, ha vinto i tricolori Junior 2014 a Torino lo mette al secondo posto, mentre il terzo alfiere dell’Atletica Piacenza in questa specialità, Filippo Cravedi, è settimo con 15.16m.
Novità anche dal settore della velocità. Le prestazioni con cui Simone Pettenati  (Modena Atletica) ha messo al collo due medaglie d’argento a Torino, 10.53 sui 100 e 21.43 sulla distanza doppia, lo portano rispettivamente al secondo e al quarto posto di sempre.
Il 10.67 del velocista della Virtus Bologna Marco Giannantoni gli vale la sesta posizione, due sopra il 10.70 del compagno di squadra Pettorossi, ancora Allievo.
Yassin Bouih (Reggio Event’s, 1.50.88 sugli 800m) e Simone Colombini (Fratellanza, 9.05.66 sui 3000 siepi), entrambi al quinto posto,  sono gli unici mezzofondisti a muovere le classifiche.
La tradizione dell’Edera Forlì fra le barriere alte è rinverdita da Pier Francesco Battistini che con il 14.19 del bronzo di Torino ha eguagliato in vetta alla lista i personali di Enzo Franciosi e Alessandro Faragona.
Il podio dei 200 metri a Torino 2014
Nei 400 hs il 52.54 corso a Modena dal virtussino Andrea Pedrelli è la terza prestazione di sempre.
Note negative dal settore lanci dove va evidenziato un clamoroso “non pervenuto”, con nessun nuovo arrivo a cambiare le graduatorie. 
Un solo segno di spunta invece nel decathlon con i 5052  punti di Simone Cremonini della Modena Atletica, ottavo.
Quattro dei quattordici cambiamenti nelle liste femminili sono opera di una sola atleta: Ayomide Folorunso. 
La nigeriana di Fidenza al primo anno di categoria è quinta sui 200 con 24.40, quinta nei 100 ostacoli (14.21), prima nei 400 piani, dove con 55.00 ha finalmente migliorato il 54.9 che Donata Govoni siglò a Modena nel 1963, ma soprattutto è prima sui 400 ostacoli con quel 58.34 con cui ha raggiunto il settimo posto ai Mondiali Junior di Eugene.
Sono tre invece le new entry under 18. La più alta è quella di Sara Fantini (Cus Parma) che migliora di quasi quattro metri il record del martello portandolo a 58,54m,  mentre è un lancio da 12.59m che iscrive alla nona posizione delle graduatorie del peso la compagna di club Marta Baruffini.
La sedicenne modenese Eleonora Iori ragginge la sesta posizione nei 100 piani fra le sorelle più grandi grazie al s
uo crono di 11.94.
3000 siepi con la modenese Christine Santi seconda di sempre in 10.40.29 e Catia Solaroli (Atl.’85 Faenza) decima in 11.57.67. La Santi va forte anche senza ostacoli e si piazza sesta nel ranking dei 3000 m correndo in 9.56.43.
Ayomide Folorunso a Eugene 2014
Le novità nel settore salti arrivano dall’appena conclusa stagione indoor: quarta piazza nel triplo per Martina Manzini (Cus Parma; 12.31 il 25 gennaio ad Ancona) e decimo posto in coabitazione con altre cinque ragazze per Giulia Giugni (Fratellanza) che nel capoluogo marchigiano ha superato la quota di 3.40m.
Messo a referto a gennaio anche il 39.24 di Greta Romei che proietta la giavellottista modenese al 10 posto.
L’eptathlon infine vede a scalare le classifiche all time la prima e la terza classificata dei tricolori di categoria dello scorso anno: quinta con 4952 punti Lucia Quaglieri della Modena Atletica, ottava Chiara Calgarini (Atletica Lugo) 4587 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: