“Memorial Cavulli”: bene il mezzofondo, vola Pagnini

Andrea Sanguinetti
Il “Memorial Claudia Cavulli”, riunione organizzata da ventitre anni dalla Sacmi Imola, ha una tradizione che vede nelle gare di mezzofondo il clou della serata che anche quest’anno non ha mancato di confermare.
I due 800 metri, dedicati al ricordo della mezzofondista imolese scomparsa, hanno fatto registrare risultati discreti anche se non di altissimo livello: 1.51.24 il tempo con cui il marchigiano Leonardo Zucchini del Team Atletica Marche ha ragione di Riccardo Tamassia (Fratellanza, 1.51.95) e Wondwosen Bizzocchi (Endas Cesena, 1.53.25 PB). Ai piedi del podio due giovani interessanti che sull’anello imolese sono in serata sì: l’anconitano della S.E.F. Stamura Simone Barontini (classe 1999) che ha fa registrare un ottimo 1.53.40 e lo junior della Fratellanza Lorenzo Lamazzi che scende fino a 1.53.96.
Due giri corsi al ritmo del nuovo personale di 2.15.98 danno la vittoria della gara femminile a Giulia Pasini (Cus Parma) che ha come compagne di podio Elena Borghesi (Icel Lugo) che chiude in 2.16.38 e Roberta Zucchini (Team Atletica Marche, 2.16.76).
Un tandem di atleti provenienti dal vivaio dell’Edera Forlì domina i 3000 metri: Andrea Sanguinetti, attualmente in forza alle Fiamme Oro, giunge sul traguardo dopo 8.21.20, poco più di cinque secondi dopo (8.26.58) termina la sua fatica anche Michele Cacaci (Casone Noceto). Più staccato (8.37.78) l’under 20 della Fratellanza Alessandro Giacobazzi (8.37.78).
Alex Pagnini
Ultime annotazioni dal settore mezzofondo per la vincitrice dei 3000 donne Laura Biagetti (Athletic Terni) che porta il personale a 9.39.79 (terzo tempo in Italia nel 2015) e per l’Allievo di casa Nicola Baldisserri che toglie tredici secondi al personale fermando i cronometri a 6.34.76.
Scendendo con le distanze va assolutamente segnalata la serata magica del quattrocentista cattolichino Alex Pagnini, da questa stagione tesserato per la squadra umbra dell’Atletica Capanne.
Marco Gianantoni
In un colpo solo porta il personale da 49.06, ottenuto a Macerata durante la prima fase dei societari, a 48.28, 78 centesimi di miglioramento che lo proiettano nella top ten stagionale della categoria promesse e che sono un eccezionale iniezione di fiducia a meno di dieci giorni dai tricolori di Rieti.
Sui 100 Marco Gianantoni (Virtus Bologna) toglie tre centesimi allo stagionale e vince in 10.75 davanti al friulano Di Filppo (Studentesca Udinese, 10.82) e all’imolese Luca Valbonesi (10.87).
“Ordinaria amministrazione” per Zaynab Dosso il 12.21 con cui si impone nei 100 donne su Elisa Laffi (Cus Bologna, 12.52, SB) e Paola Forghieri (Fratellanza, 12.55).
Alexandro Mitirica
Nuovi record per le prime due del giro di pista: la carpigiana Elena Venturi Degli Esposti (Atl. Brescia 1950, 57.86) e la reggiana Veronica Valcavi (Atl. Reggio, 59.00).
Alexandro Mitirica (Fratellanza) infila tre soli salti validi, ma tutti oltre i quindici metri con il migliore a 15.52m, la sua seconda prestazione della carriera. Gli altri gradini del podio sono stati occupati da due allievi, entrambi con il nuovo personale: Giovanni Mastrippolito (Virtus Bologna) 12.77m e Alessandro Temellini (Atl. 75 Cattolica) 12.73m.
Molto più combattuta la gara del lungo donne dove Ilaria Mazzetti (Cus Bologna, 5.44m) la spunta per quattro centimetri sulla reggiana Rossella Mattioli (Atl.Reggio) e per sei sulla ravennate Abdullahi Mukasi.
Poco da segnalare invece dal settore lanci tranne la vittoria nel disco seniores del quarantacinquenne Gabriele Di Giovanni (Self Reggio) capace di mandare i 2 kg a 43.09m, il suo miglior risultato da quando nel 2007 è tornato saltuariamente a gareggiare dopo una lunga assenza dai campi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: