CdS Assoluti fase 2. Volano velocisti e saltatori. Record regionale Juniores dei 200 per Ayomide Folorunso

Ayomide Folorunso
Qualcuno pensava di essere nella Death Valley, in realtà è stata Piacenza a ospitare la fase due dei societari e nonostante le condizioni meteo, veramente problematiche, sono diversi gli atleti che tornano soddisfatti dall’impegnativa trasferta emiliana, molti di loro anche con un nuovo personale.
Tutto il settore velocità ha brillato sulla pista piacentina che si è rivelata particolarmente performante, ma i riflettori ancora una volta vanno su Ayomide Folorunso che ha festeggiato il recentissimo arruolamento in Fiamme Oro continuando nella sua opera di rinnovamento dell’albo d’oro dei primati regionali.
A cadere questa volta è stato quello dei 200 metri juniores che la sedicenne reggiana Judy Ekeh stabilì nel 2009 a Bressanone correndo in 23.89. Ieri la neopoliziotta fidentina ha “bruciato” la pista siglando un 23.60 che fa traballare anche il primato regionale assoluto fissato da Maria Elena Apollonio (Cus Parma) a 23.54 nel 1997 a Pretoria (Repubblica Sudafricana). Non va dimenticato che poco più di un’ora prima aveva corso i 400 ostacoli in 57.94…
Quello di ieri è il terzo primato regionale migliorato dalla ragazza del Cus Parma che senza dubbio darà ancora molto lavoro da fare agli statistici in questo 2015.
Nuovo SB per tutti i primi otto dei 100 metri uomini e per molti di loro anche primato personale. Il più veloce è stato Mattia Cesari (Fratellanza) che con 10.82 toglie dieci centesimi al proprio record; secondo posto e prima volta sotto gli undici per il copparese Leonardo Marangoni, che fa meno diciotto rispetto al pb e scende a 10.84; due centesimi in più e terzo gradino del podio, ma soprattutto terzo tempo nelle graduatorie nazionali Allievi, per l’ivoriano del Cus Parma Jamie Abe che si candida fra i pretendenti  per una medaglia a Milano.
Mattia Cesari
Anche Zaynab Dosso (Corradini) conferma di essere in pole position per una medaglia all’Arena e scende per l’ennesima volta in questa stagione sotto il muro dei 12 secondi (11.95) , lasciando che sia il fotofinish a decidere che il 12.02 del carabiniere Micol Cattaneo, al rientro dopo la maternità,  sia infinitesimamente più veloce di quello di Leonice Germini (Atl. Reggio).
Giù dal podio, ma con il nuovo personale di 12.15, Georgina Boateng (Interflumina) che precede di un centesimo Vanessa Attard (Cus Parma) che fa il suo miglior tempo 2015.
Stesso copione sui 200 dove Luca Valbonesi con 21.29 fa il suo secondo tempo di sempre e distanzia nettamente la medaglia d’argento Arrè (Interflumina) e i bronzi ex aequo Casacci (Virtus BO) e Abe Cus PR) tutti a 22.01 con i primi due che migliorano il proprio record. Nuovo record anche per il vincitore dei 100 Cesari che si piazza al quarto posto in 22.04.
Luca Valbonesi
Già detto della vincitrice, resta da raccontare della pioggia di personal best dei 200 femminili. Federica Giannotti (Atl. Reggio) arriva sul traguardo in 24.39 (meno 11 centesimi), Desola Oki (Cus Parma) scalda il motore per Milano e fa 24.65 (meno 24), Eleonora Iori (Fratellanza) è sesta, lontana dalle medaglie, ma si migliora di ben 43 centesimi, sul gradino sottostante c’è Elisa Laffi.(Cus Bologna), 25.70 e meno 10 centesimi.
Gabriele Hazmi (Virtus BO) vince abbastanza facilmente i 400 in 48.26 davanti ai portacolori del Cus Parma Gabriele Bizzotto, mezzofondista che non disdegna qualche gita nella velocità prolungata, che passa da da 49.34 a 48.64, e Luis Alfredo Caceres che si migliora di un secondo tondo e chiude in 49.62.
Federica Pincelli
Il caldo non aiuta certo i mezzofondisti, ma Bizzotto sigla comunque un buon 1.50.21 sugli “otto”, e Valentina Costanza porta più di 900 punti al Cus Bologna con il suo 4.31.33 sui 1500m.
Altre belle notizie arrivano dai salti in estensione. Sulla sua pedana Lorenzo Dallavalle (Atletica Piacenza) atterra a 7.35, 21 centimetri oltre il personale, nel triplo Mitirica (Fratellanza) fa 15.53, un centimetro meglio del “Cavulli”, e non trova avversari in grado di dargli filo da torcere. Fra le donne una ritrovata Valentina Morigi (Self Reggio) vince il triplo con 12.35m ed è seconda nel lungo con 5.33 dietro la modenese Pincelli che porta il proprio personale  a 5.78m.
Un week end da ricordare per la 33enne saltatrice cesenate reduce da un lunghissimo stop per infortunio che, insieme alla vittoria, nel salto triplo ha ottenuto il pass per gli assoluti di Torino.
Si conferma a buoni livelli la martellista Sara Fantini (Cus Parma) che vince mettendo il secondo lancio a 58.26. Stesso risultato per il suo compagno di club Nicolò Bolla che al terzo turno scrive sul tabellone 60.80m e supera il virtussino Andrea Poli che dopo due anni migliora il suo personale di oltre un metro (57.22m).
Il decatleta Michele Calvi vince facilmente il disco per la Self Reggio con 47.13, mentre Antonio Fent si aggiudica il giavellotto con 71.82m, davanti a Moreno Belletti che fa atterrare l’attrezzo a 58.23.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: