“On your marks!” – Modena, Campionati Regionali Junior/Promesse e fase 2 dei CdS Alievi. Prima giornata

La prima delle due giornate modenesi dedicate al trittico Allievi, Juniores, Promesse  conferma la tendenza che già si era vista nei precedenti appuntamenti di settembre: presenze pochine (soprattutto fra under 18 e under 23 che non subiscono le pressioni dei club per partecipare ai societari) e risultati che tranne qualche rara eccezione, soprattutto al femminile, non portano a dover assumere cardiotonici per resistere all’emozione.
Partiamo subito con l’analisi delle singole categorie.
Allievi – Sui 100 metri, assente il parmigiano Abe suo rivale per tutta la stagione, Zlatan (Atl.
Norberto Fontana
Reggio) non deve spingere troppo sul gas per vincere in 11.03.
I 1500 metri, corsi insieme agli juniores, potrebbero essere scanditi da un metronomo per quanto regolare è il ritmo. Boni (Self Montanari) e Gaddoni (Sacmi) si controllano per tutta la gara e alla fine è  4.10.03 il tempo con cui il reggiano lascia due decimi indietro l’imolese nella volata.
Mastrippolito (Virtus Bologna) vince i 110 ostacoli in 14.94 davanti a Bergamaschi (Cus Parma, 14.99) e Boscoli (Cus Ferrara, 15.12).
Nell’asta Lusuardi (Sintofarm) e Monelli (Fratellanza) salgono entrambi fino a 3.80m e si dividono il gradino più alto del podio.
Dopo il “saltone” del Baumann, Andrea Dallavalle si conferma in stato di grazia e firma un 14.86m che rappresenta la sua seconda prestazione di sempre all’aperto.
Nel giavellotto la vittoria va per pochi centimetri a Norberto Fontana (Cinque Cerchi Piacenza, 52.47m) sull’atleta di casa Stefano Iuliano che con 52.29 aggiunge una ventina di centimetri al personale.
Allieve – A giugno, all’Arena Civica di Milano, Zaynab Dosso aveva indossato la maglia di Campionessa Italiana correndo i 100 metri in 11.75. Grandissima prestazione arrivata al momento giusto, nella gara più importante dell’anno. In un certo senso prevedibile dal punto di vista della programmazione.
Zaynab Dosso
Molto meno pronosticabile era il tempo di 11.76 con cui ieri non ha dato nessuna possibilità di replica alle avversarie. Un risultato che ancora una volta accresce le aspettative per la stagione 2016 dell’ivoriana della Corradini Rubiera.
Pb sui 400m per Giulia Riccò (Cus Parma) che vince abbastanza facilmente in 1.01.33.
Le vincitrici delle gare di mezzofondo, invece, rimangono poco al di sopra dei rispettivi record. Nei 1500 metri la vittoria va a Caterina Mangolini (Atl. Estense) in 4.59.94, mentre Chiara Bazzani corre in completa solitudine i 2000 siepi in 8.00.39.
L’infinito duello parmigiano sui 100 ostacoli si conclude ancora una volta a favore di Elisa Maria Di Lazzaro che in 13.84 segna la sua terza prestazione dell’anno e precede di sette centesimi la compagna di club Desola Oki.
Diana Pasquini (Cus Bologna) vince il peso con il terzo lancio atterrato a 11.99m, un centimetro in più del personale fatto registrare ai Campionati Italiani.
Vola lontanissimo il martello di Lucilla Celeghini (Fratellanza) che è probabilmente l’atleta che ha avuto i maggiori progressi in questa seconda parte d stagione. Ottima la serie di lanci della modenese, al primo anno nella categoria, culminata con il sesto turno dove ha messo a referto un 54.97m che migliora di quasi due metri il personale che aveva stabilito la settimana scorsa e la porta al quarto posto delle graduatorie nazionali.
Juniores Maschi – Alessandro Xilo (Virtus Bologna) corre il suo primo “quattro” dell’anno sotto i 50″ e lo fa alla grande: 49.56, meno otto centesimi al personale.
Nei 1500m Bernardi (Sacmi Imola) si limita a fare il minimo ndispensabile per vincere qualche centesimo sotto i quattro minuti.
Edoardo Fontana (Cinque Cerchi) fa 4.20m al primo tentativo e si aggiudica il salto con l’asta.
Alessandro Xilo
Alessandro Meliconi (Pontevecchio Bologna) domina il lungo mettendo a segno quattro salti al di sopra del suo personale di 6.25m, con un picco al quinto turno a 6.61m.
Nel disco la vittoria va a Loris Fuochi (Interflumina Casalmaggiore, 42.50m) che, nonostante migliorino entrambi il personale, regola Marco Sarti (Virtus Bologna, 41.63m) e Marco Lorenzini (Fratellanza, 41.18m).
Juniores Femmine – Le centiste sembrano essere lontane dalla forma migliore e a tuffarsi meglio sul traguardo (e anche a rimanere meno lontana dal personale) questa volta è Georgina Boateng (Interflumina) che in 12.18 lascia a un centesimo la reggiana Germini e a quasi tre decimi la modenese Forghieri.
Sara Ziliani (Cinque Cerchi) torna per la prima volta sotto il minuto sui 400m dal 2012 e si aggiudica il titolo regionale.
Lucilla Celeghini
La faentina Catia Solaroli (Atl. 85) lima un secondo e mezzo al proprio primato e vince i 1500m in 4.50.66.
Nuovo personale anche per la triplista Chiara Calgarini (Atl. Lugo) che con 11.80m supera la capofila stagionale Martina Manzini (Cus Parma) che si ferma a 11.57m.
Doppia vittoria nei lanci per il Cus Parma: all’ultimo tentativo Marta Baruffini porta il personale a 13.09m, sei centimetri oltre la misura del bronzo dei campionati italiani; il martello di Sara Fantini, invece, supera per l’ennesima volta la linea dei 58 metri (58.48m, quarto risultato dell’anno della cussina).
Promesse Maschi – Giuseppe Sangiorgi (Sacmi Imola) corre il suo primo 400 sotto i 49″ della stagione e fa risultato doppio: titolo regionale e nuovo personale a 48.90.
A Daniele Ragazzi (Francesco Francia) basta atterrare a 6.77m per salire sul gradino più alto del podio delsalto in lungo.
Il 55.07 metri con cui Martin Pilato si aggiudica la gara del disco, invece, è probabilmente il miglior risultato tecnico maschile di tutta la prima giornata.
Promesse Femmine – Diciotto iscrizioni in questa categoria in tutta la prima giornata.
No comment.
Unica nota da segnalare il 4.35.56 con cui Chiara Casolari (Fratellanza) si è aggiudicata i 1500 metri.
Ti piace Ottocorsie? Votalo qui
Puoi votare una volta al giorno, tutti i giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: