“On your marks!” – CdS Allievi Ultimo atto. Le finali di Orvieto e Montecassiano

Il 2015 dell’atletica sta per finire e ieri ha riempito una delle ultime caselle dei titoli italiani di società rimaste ancora vuote assegnando ai ragazzi dell’Atletica Vicentina e alle Allieve della Bergamo Creberg gli scudetti under 18.

Steve Jamie Abe
Nella finale di Orvieto a rappresentare l’Emilia-Romagna erano presenti le due formazioni del Cus Parma e gli imolesi della Sacmi Avis. Il piazzamento più alto raggiunto nelle classifiche è stato il settimo posto delle parmigiane che hanno schierato una squadra equilibrata con Desola Oki (argento sui 100 e bronzo sui 200 metri) ed Elisa Maria Di Lazzaro (prima sui 100 ostacoli e seconda nel giro di pista con barriere) a ricoprire il ruolo di “punte”, uniche cussine a salire sul podio insieme alla martellista Sara Allioli, bronzo con 41.64m.
Undicesima piazza invece per i loro compagni di squadra che hanno lasciato a 7.5 punti i ragazzi della Sacmi presentatisi in Umbria con una squadra molto rimaneggiata.
Com’era ampiamente prevedibile il migliore dei ducali è stato il velocista Abe, unico medagliato, che è salito sul terzo gradino del podio sia nei 100 metri che nella distanza doppia, ma meritano una citazione anche Filippo Robuschi (quarto negli 800m in 2.00.68), Fouad Izem (quarto nei 2000 siepi in 6.19.13) e Samuele Saccani, quarto con il suo 4.10m nel salto con l’asta.

La squadra della Virtus Bologna vincitrice a Montecassiano
I due bronzi della Sacmi invece sono arrivati dal decatleta Michele Brini che ha corso i 110 ostacoli in 14.67 e da Michele Minto grazie al suo 25.27.42 nei 5 kilometri di marcia. Per il resto niente da segnalare per la formazione del Presidente Cavini che, come dicevamo sopra, ha dovuto fare i conti con diverse defezioni e alcune controprestazioni.
Sugli scudi invece le formazioni emiiano-romagnole impegnate nella finale interregionale del gruppo Adriatico svoltasi a Montecassiano (MC). 164 punti e vittoria per distacco dei ragazzi della Virtus Bologna che con i loro 10 piazzamenti a podio hanno ipotecato il risultato fin quasi dalle prime battute. Piazza d’onore per la Self Montanari e Gruzza che ha potuto contare tra gli altri sulle doppiette di Roberto Boni su 800m e 2000 siepi e di Samuele Nicosia  su 400 con e senza barriere (quest’ultima piuttosto rocambolesca e ben raccontata qui) e sulla vittoria della staffetta del miglio.
Luca Gobbato
Alle spalle delle prime due la classifica si è fatta molto “corta” e alla Fratellanza non sono bastate per andare oltre il sesto posto  la doppietta di vittorie e nuovi record personali di Ansaloni nella velocità (11.12 e 22.54), l’oro con pb di Gobbato nel lungo (6.91m) e la vittoria di Iuliano nel giavellotto.
Nota di merito anche per il martellista Nicola Cipolli secondo con il nuovo personale di 51.14m. 
Decimo posto infine per l’Atletica Piacenza in cui è spiccato ancora una volta Andrea Dallavalle che ha portato a 15.15m la miglior prestazione stagionale outdoor del salto triplo.
Nella competizione in rosa un solo punto ha separato le reggiane della Self dalla gioia della vittoria.
150 a 149 a favore delle marchigiane dell’Avis Macerata. 
Giulia Lodi
Per le emiliane sono arrivate due vittorie individuali nel lungo grazie a Emma Perazzini (5.07m) e nella marcia con Linda Terzi (26.26.19) e altri cinque piazzamenti a podio il più sorprendente dei quali è certamente il bronzo della marciatrice Molly Jade Davey schierata a “coprire i 2000 siepi.
Gradino più basso del podio per la compagine rosa della Fratellanza trascinata ai piani alti della classifica dalle vittorie di Eleonora Iori (100 m, 12.25), Anna Casolari (3000m, 11.43.84), Chiara Bazzani (7.52.09), Lucilla Celeghini (martello, 51.90) e della staffetta 4X100.
Quinto posto per l’Atletica Lugo che ha potuto contare ancora una volta sulle spallate di Daria Soglia (prima nel disco con 37.05m e terza nel peso con 12.42m) e sul’elevazione di Marta Morara, salita fino a 1.58m per agguantare l’argento del salto in alto.
Per concludere la panoramica sui piazzamenti delle squadre della nostra regione vanno ricordati il settimo posto dell’Atletica Piacenza e il decimo del Cus Bologna che ha mandato a podio le lanciatrici Lodi, Pasquini e Vannucci  e la triplista Monaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: