“On your marks!” – CdS parte seconda, day 2. Il turbo di Faustino e Desola

Faustino Desalu

Valentino e Faustino, Rossi e Desalu. 

Condividono la stessa passione per la velocità e così come il “Dottore” ama la pista del Mugello su cui ha raccolto tante soddisfazioni, così il finanziere cresciuto in riva al Po ha dimostrato in diverse occasioni di apprezzare la mescola del sintetico di Modena. 
Le analogie però oggi finiscono qui. Sì, perchè mentre dalla moto del pilota di Tavullia usciva una fumata bianca, dal motore dello sprinter di Casalmaggiore uscivano delle scintille che lo hanno portato a chiudere il mezzo giro in 20.69, 14 centesimi sopra il pb e 19 sopra lo standard per volare a Rio de Janeiro…aspettiamo intrecciando le dita.
Riguardando il filmato della gara si ha l’impressione che Desalu gareggi con degli sparring partner, ma il secondo e il terzo sono Alexandru Zlatan (Atl. Reggio) e Diego Pettorossi (Virtus Bologna), due dei migliori velocisti under 20 in Italia che hanno entrambi migliorato i propri record portandoli a 21.46 e 21.52.  E sulla loro scia ha limato dieci  centesimi anche Kevin Menzani (Fratellanza 21.84).
Elena Benevelli

Desola Oki (Cus Parma) ieri aveva messo il turbo fra le barriere, oggi ha ripetuto l’esperimento sui 200 con gli stessi esiti positivi: 24.41. 24 centesimi di miglioramento e quarto posto delle liste continentali Allieve proprio davanti alla “vicina di casa” Zaynab Dosso. In Georgia ci sarà da divertirsi. A completare il podio ci hanno pensato Leonice Germini (Atl. Reggio, 24.50, PB) e Eleonora Iori (Fratellanza, 24.93) per la prima volta sotto i 25 secondi.

Il mezzofondo di questa seconda giornata brilla soprattutto per i risultati dei due vincitori degli 800 metri. Fra i ragazzi Francesco Conti (Sacmi Imola) fa 1.51.47 e va vicinissimo al personale ottenuto nella scorsa stagione al coperto, nella gara femminile Elena Benevelli (Atl Reggio), toglie tre secondi al suo miglior precedente e vince per distacco in 2.12.36. Da notare che questa è soltanto la settima volta che affronta questa distanza…
I lunghisti della Fratellanza mettono il loro sigillo sulla gara di casa con due prestazioni notevoli.
Riccardo Serra mette subito un 7.30m e progredisce fino al 7.45m ripetuto al quinto e al sesto turno, Federica Pincelli apre a 5.63m prima di andare lunga per un paio di volte. Al quarto tentativo sale a 5.72m, per poi concludere a 5.93m al salto successivo. Molto vicine al personale anche Jasmin Mukasi (Cus Bologna), seconda con 5.63m e l’eptatleta della Modena Atletica Lucia Quaglieri che si è fermata tre centimetri sotto.
Giacomo Drusiani

Botta e risposta all’ultimo lancio nella gara del peso con il decatleta Michele Calvi (Self Montanari) che al sesto lancio mette una spallata da 14.51m, un centimetro meglio del capofila momentaneo Giacomo Drusiani (Fratellanza). “Jack” non ci sta e con una discreta dimostrazione di carattere spara la boccia a 14.78m chiudendo la partita. Bronzo e personale per Gabriele Natali (Atl. Ravenna) che sfonda il muro dei 14 metri per la prima volta in carriera (14.19m).

E’ durata un solo lancio invece la gara vittoriosa di Nicolò Bolla (Cus Parma) nel martello. Il gigante di Castelnuovo Monti ha messo a referto un 55 metri tondo tondo prima di passare i turni successivi. Sintomo evidente che non si è ancora rimesso dai suoi recenti piccoli acciacchi.
Ultime notizie, tutte buone, dalla gara del giavellotto femminile vinta con 42.45m da Sara Corradin (Fratellanza) che continua a salire passo dopo passo verso i suoi livelli di qualche stagione fa. Le altre medaglie, entrambe con il nuovo record personale, sono andata a Maite Vannucci (Cus Bologna) che fa un balzo in avanti di quasi due metri e arriva a 41.60m e alla ferrarese del Cus Barbara Basaglia che mette a referto un ottimo 39.22m.

Il video dei 200 metri maschili
                            

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: