“On your marks!” – Campionati Italiani Allievi 2016 Jesolo, 17-18-19 giugno. Sabato, ultima parte

Share on

Simone Barontini
Il sabato pomeriggio di Jesolo regala un bel po di emozioni e tre record italiani uno dei quali, quello della 4×100 Allievi, resisteva da ventisette anni.
Avevamo chiuso la precedente carrellata sui migliori risultati di questa mattina raccontando della vittoria di Sidney Giampietro nel lancio del disco e, per cavalleria, apriamo questa parlando della doppietta, pronosticatissima,  arrivata nel getto del peso. La lanciatrice della Pro Patria ha aperto le danze con un 17.45m che non lasciava dubbi sulla vittoria. Poi quattro tentativi interlocutori finno alla spallata da 17.84m arrivata a classifiche già delineate. Quattro centimetri più in là della misura iscritta a referto all’ultimo Brixia Meeting. Molto meno pronosticabile invece la medaglia d’argento finita al collo della  Steinkasserer (SSV Bruneck), sesta delle graduatorie stagionali,  che nella gara più importante dell’anno è riuscita ad aggiungere un metro al personale arrivando a 14.36 metri.
Sidney Giampietro
Foto Piazzi/ Fidal Lombardia
L’espressione soddisfatta sul volto dei quattro staffettisti della Futura Roma (Tokong-Campana-Di Panfilo-Marchei) è di quelle che non hanno bisogno di giustificazioni: vincere il titolo nazionale e iscrivere nello stesso tempo il proprio nome nell’albo dei record non è cosa da tutti i giorni, soprattutto se il record della 4X100 della Pont Donnas accumula “polvere” dal 1989.
Allo sparo degli 800 metri, una delle gare più attese di giornata, Simone Barontini (Stamura Ancona) sembra aver dimenticato come si corre una gara di campionato. Parte come un treno e continua a spingere per due giri interi, sul finale Andrea Romani (Centro Ester napoli ) si rifà sotto, ma il marchigiano resiste e alla fine sul tabellone c’è un tempo fantastico: 1.48.76, nuovo record italiano. Anche Romani (1.49.02) scende abbondantemente al di sotto del precedente primato realizzato da Mario Scapini dieci anni fa in 1.49.61, gli altri finalisti li guardano increduli.
Alle sprinter dell’Atletica Vicentina (Kouakou-Zuecco-Todescato-Bergamin) è mancata veramente un’inezia per entrare nella storia. Per la precisione quei sette centesimi che separano il loro crono di oggi dal 46.93 ottenuto nel 2008 dalla staffetta dell’Italgest Athletic Club.
Nadia Battocletti
I 400 ostacoli maschili sono quasi una passerella per Alessandro Sibilio (Centro Ester) che vince a mani basse in 52.78. Stessa musica, anche se il distacco è stato meno netto, nella gara femminile andata in 1.00.19 ad Anna Polinari (Bentegodi Verona).
I Campionati Italiani regalano anche delusioni, soprattutto perchè a questa età è facile non riuscire a controllare tutte le variabili e le tensioni di una gara importante. 
Se ieri Zaynab Dosso, pur vincendo, era sembrata lontana dai suoi momenti migliori, oggi purtroppo ha confermato l’impressione. In batteria non fa meglio di 25.62, tredicesimo tempo che la relega alla finale B come “brutta giornata”. Capita.
Bellissima invece la giornata di Nadia Battocletti che indossa la maglia tricolore scendendo per la prima volta sotto il muro dei 10 minuti sui 3000.
Il video degli 800 metri Allievi

Share on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: