“On your marks!” – Georgia on my mind. Al via gli Europei under 18

Alessandro Pace
Alle 9 di questa mattina ora locale, le 7 in Italia, prenderà ufficialmente il via a Tbilisi l’edizione 2016 dei Campionati Europei Allievi con l’azzurra Gloria Gollin (Atletica Vicentina), impegnata nella prima delle sue sette fatiche, i 100 ostacoli.
Appello alla stessa ora anche per i pesisti che cercheranno di superare i 19 metri, misura ardua di prima mattina, o di classificarsi fra i primi 12. Impresa che potrebbe anche riuscire ad Alessandro Pace (Fiamme Gialle) e Andrea Proietti (Studentesca Rieti) rispettivamente dodicesimo con 18.50m e quattordicesimo con 18.06m.
Impossibile azzardare un pronostico per i 5 chilometri di marcia in cui saranno ai nastri di partenza Alessia Mastronicola (Alteratletica Locorotondo) e Angelica Mirabello (Fiamme Gialle) se non quello della probabile vittoria della turca Bekmez.
Difficilissima qualificazione per il martellista Giorgio Olivieri (Team Atletica Marche) il cui presonale di 67.24 m è molto lontano dai 71 metri richiesti per l’accesso diretto alla finale, ma i lanci al mattino possono anche regalare qualche sorpresa, speriamo sia positiva.
Lorenzo Paissan
Venti minuti dopo le dieci saranno gli sprinter a mettersi a disposizione dello starter per le batterie dei 100m. Fabrizio Ceglie (Libertas Friul Palmanova) e Lorenzo Paissan (Atl Trento) non dovrebbero faticare troppo per passare il turno classificandosi fra i primi quattro della propria batteria.
Alle 11 in punto toccherà alle ragazze dei 100 piani dove schieriamo una delle nostre punte di diamante: Zaynab Dosso. In che condizioni di forma è la freccia nera della Corradini Rubiera? Come sempre sarà la pista a dare il suo responso. A Jesolo è apparsa un po’appannata, ma se il lavoro svolto in quest’ultimo mese dovesse dare buoni frutti l’emiliana è certamente una della carte da podio di questa “giovane Italia”. Difficile ma non impossibile, invece il passaggio alle semifinali per Camilla Maestrini (Brixia Atletica) a cui è toccata in sorte una batteria con tre under 12″ e tutte le altre con personali molto vicini.
Zaynab Dosso
Ultima gara della sessione mattutina saranno i 400 piani femminili dove la semifinale è ampiamente alla portata della campionessa Italiana Letizia Tiso (Atl. Piemonte). Più difficile un pronostico sulla quarta equilibratissima batteria capitata in sorte a Eloisa Crosio (Atl Roma Acquacetosa).
Emma Peron (Atletica Vicentina) aprirà la sessione pomeridiana con un incarico difficile: far superare al suo disco i 46 metri che servono per mettere una “Q” maiuscola  di fianco al proprio nome. Per riuscirci la veneta che parte dal 44.02m dell’argento di Jesolo dovrebbe fare davvero un bel balzo in avanti.
Il salto in alto italiano gode di ottima salute anche a livello giovanile come testimonia di Andrea Motta (Atl. Bergamo ’59) che parte da un personale di 2.13 per andare a caccia di una medaglia. Difficile invece che possa guadagnarsi un posto fra i dodici Francesco Ruzza (Biotekna Marcon) che si presenta in Georgia con un personale di 2.03m.
Rebecca De Martin
Si farà sentire l’assenza di Marta Zenoni (Atl. Bergamo ’59) che toglie agli 800 metri una protagonista e all’Italia una medaglia sicura. 
Alle 16 italiane Alessandro Marasco (Ideatletica Aurora) e Denis Rigamonti  (Bergamo ’59) testeranno la pedana del lungo con un occhio alla finale che potrebbe arrivare con un po’ di fortuna.
Nell’asta la friulana Rebecca De Martin (Atl. Brugnera) e Maria Roberta Gherca (Atl. Velletri) sono ben piazzate con il loro 3.85m, mentre pare molto più arduo che venga ammesso alla gara per le medaglie il giavellottista Amar Kasibovic (Atl. Vicentina).
Per quanto riguarda il mezzofondo rimane vuota la casella dei 1500 metri, mentre da Linda Palumbo (Atl. Clarina Trento) sui 2000 siepi e Antonio Catallo (U.S. Foggia Atl. Leggera) sui 3000 metri dovranno interpretare al meglio la loro gara per poter ottenere un piazzamento di rilievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: