“On your marks!” – Bydgoszcz 2016, I migliori della velocità uomini

I Campionati Mondiali Juniores di Bygoszcz prendono il via domani mattina, qui presentiamo una serie di schede per individuare i favoriti della rassegna iridata.
Abdullah Abkar Mohammed
100 metri – La tradizione oramai consolidata vorrebbe che a guidare le liste degli uomini jet fosse un giamaicano o uno statunitense, in annate particolari un caraibico o al limite un francese o un britannico. Il 2016 è anno bisestile e qualche eccentricità è prevedibile, ma che il miglior accredito di questi mondiali juniores appartenga a un rappresentante dell’Arabia Saudita crediamo sia una novità assoluta.  Abdullah Abkar Mohammed si presenta in Polonia forte del suo record asiatico di 10.04 corso a metà aprile in California, ma nelle graduatorie di quest’anno non risultano altre sue prestazioni inferiori a 10.30. Da vedere all’opera, ma non ci stupiremmo affatto se non dovessimo vederlo sui blocchi nella finale di mercoledì sera.
Si torna sui binari della consuetudine apena si scende di un gradino sulla lista.
Filippo Tortu
Sembrano molto più convincenti le ambizioni di podio dello sprinter made in Usa Noah Lyles (trionfatore sui 200 alle Olimpiadi giovanili di Nanchino 2014) e del giamaicano Nigel Ellis, quest’anno entrambi a 10.16 e accreditati di diverse altre performance non troppo distanti.
In questa gara l’Italia schiera una delle sue carte migliori per sperare di muovere il medagliere: il nostro baby fenomeno Filippo Tortu, uno che non ha niente da invidiare ai due coloured d’oltre

oceano e che agli Europei dei “grandi” ad Amsterdam ha mancato per un soffio la finale correndo in 10.19, nuovo record italiano di categoria. Non aggiungiamo altre parole (non si sa mai…) e incrociamo le dita.

L’altro italiano iscritto è Andrea Federici, titolare di un 10.53 che difficilmente gli consentirà di passare il primo turno eliminatorio.
Batterie martedì ore 12.00,  Semifinali mercoledì ore19.20, Finale Mercoledì ore 21.35
Michael Norman Jr
200 metri – In cima all’elenco dei 48 iscritti ai 200 metri c’è  Il 20.14 dello statunitense Michael Norman jr che per un soffio non gli è valso la qualificazione per Rio, uno che a soli 18 anni ha già corso i 100 in 10.27 e i “quattro” in 45.19. Insomma uno di cui sentiremo parlare ancora.
Alla casella numero due figura il 20.21 di Baboloki Thebe dal Botswana, argento sui 200 alle olimpiadi giovanili 2014 che arriva in Europa indossando la maglia di campione africano assoluto di 400 e 4X400. 
 Clarence Munyai (20.36) e  Tlotliso Leotlela (20.47) per la Repubblica Sudafricana e Nigel Ellis (20.40) e Akeem Bloomfield (20.66) per la Giamaica completano il quadro dei pretendenti per le medaglie.
Nessun italiano nella distanza preferita di Pietro Mennea.
Batterie giovedì ore 11.30, Semifinali giovedì ore 18.30, Finale venerdì ore 21 
400 metri – Baboloki Thebe guida per distacco le entry list del giro di pista con il suo personale di Abdalelah Haroun, quest’anno arrivato a 44.81, ha un pb di soli cinque centesimi superiore.
Baboloki Thebe

44.22 ottenuto quest’anno, ma alle sue spalle il rappresentante del Quatar

La tradizione Usa in questa gara è rappresentata da Montgomery (45.13) e London (45.28) e al quinto posto si trova il connazionale di Thebe, Karabo Sibanda accreditato di un otttimo 45.40. Il diciassettenne giamaicano Christopher Taylor (è nato il primo ottobre del 1999) è un outsider di lusso con il suo 45.66. 
Sono tre gli azzurri iscritti in questa gara: Vladimir Aceti, Brayan Lopez e Umberto Mezzaluna.
Batterie mercoledì ore 11.40, Semifinali giovedì ore 19.45 Finale venerdì ore 20.30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: