“On your marks!” – Bydgoszcz 2016, le preview degli ostacoli. Uomini e donne

Marcus Krah
Continuiamo a esaminare le starting list dei Mondiali Junior 2016. Questa volta tocca agli specialisti delle barriere. Maschi e femmine.
110 ostacoli M – Gli ostacoli alti hanno troppe variabili per poter essere sicuri di qualcosa, basta una piccolissima sbavatura per mandare a monte mesi e mesi di lavoro con una caduta a pochi metri dal traguardo. Tuttavia questa volta una certezza, per quanto piccola, c’è: il vincitore sarà di madre lingua inglese. Che sorpresa!
Il best performer stagionale è il campione americano della categoria Marcus Krah con 13.25, ma lo seguono da vicino il suo compagno di squadra Amere Lattin che quest’anno è arrivato a 13.32, l’australiano Andrews e il britannico Weaver (entrambi con un accredito di 13.33).
Nicola Cesca
Curiosità: i giamaicani schierano due atleti ancora Allievi. Si tratta di Damion Thomas (nato il 29 giugno del 1999) che ha un personale di 13.42 e di Dejour Russell (1 aprile 2000, 13.55).
Cercare di superare almeno un turno sarà il compito, a dire il vero non facile, di Marco Bigoni (13.91) e Nicola Cesca (14.02).
Batterie mercoledì ore 9.55, Semifinali mercoledì ore 18.10, Finale giovedì ore 21
Jaheel Hyde
400 ostacoli M Jaheel Hyde non ha ancora sciolto la sua riserva: difenderà il titolo conquistato a soli diciassette anni a Eugene nel 2014 o punterà direttamente sulle Olimpiadi di Rio per le quali ha ottenuto il pass ai trials di Kingston? Se dovesse decidere di gareggiare la medaglia d’oro è già ipotecata. Il suo 48.61 è inavvicinabile per tutti i suoi avversari.
Se invece team Giamaica dovesse fare a meno di lui gli scenari che si aprono vedono in pole il brasiliano Mikael De Jesus (49.62), l’americano Taylor McLaughlin (49.73) e il giapponese Watanabe (49.96), con il francese Coroller (50.47) alla finestra ad aspettare l’errore di uno di questi.
Quanta strada potranno percorrere gli italiani in gara? Gabriele Montefalcone, 51.63 il suo personale, potrebbe essere della partita anche venerdì sera, più difficile che possa farcela Federico Cesati che parte da un pb di 52.82.
Batterie giovedì ore 10.35, Semifinali venerdì ore 19.30, Finale sabato ore 19.15


100 ostacoli F – Un solo centesimo divide la nigeriana Amusan dall’americana Tia Jones (nata l’otto settembre del 2000) che, grazie al 12.84 fatto registrare meno di un mese fa, detiene la migliore prestazione all time di un ‘allieva con distanze e altezze degli ostacoli della categoria superiore.

Abigail Gyedu
Alle loro spalle la tradizione bielorussa della specialità è portata avanti da Elvira Hermann (13.03) che precede le altre due ostacoliste made in Usa Duncan (13.04) e Cockrell (13.17).
Nicla Mosetti si presenta in Polonia con un personale di 13.77 e guida la pattuglia azzurra di cui fanno parte anche  Abigail Gyedu (14.03) e Agnese Mulatero (14.06).
Batterie venerdì ore 9.35, Semifinali sabato ore 17.15, Finale Domenica ore 16.05
400 ostacoli F – Se fosse confermata dai fatti l’assenza per restare a casa ad allenarsi per le Olimpiadi di Sidney McLaughlin, una capace di correre in 54.16 a diciassette anni non ancora compiuti, sarebbe questa la notizia principale di questa specialità.
Sidney McLaughlin
Il suo forfeit spalancherebbe le porte per la vittoria alla sua connazionale Anna Cockrell che sulle Brandee Johnson (56.16) e la giamaicana Kalawan (56.29). Più staccata, a 56.75 la giapponese Haruko Ishizuka.
starting list figura con un probante 55.89 che le da un discreto vantaggio su tutte le altre. Favorite per farle compagnia sul podio sono la diciottenne dello stato di Washington
Le nostre: Eleonora Marchiando (58.84), Gioi Spinello (59.50) e Rebecca Sartori (59.67).
Batterie mercoledì ore 10.50, Semifinale giovedì ore 18.55, Finale venerdì ore 20.45.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: