Arrivederci Christina Obergföll. Lascia un pezzo di storia del giavellotto mondiale.

Christina Obergföll
Christina Obergföll

E’ arrivata la sera in cui il suo giavellotto volerà per l’ultima volta nel cielo sopra Berlino.

Per ogni atleta arriva il momento di dire basta, di rinunciare all’adrenalina da competizione di prendere altre strade e Christina Obergföll ha deciso che questo, dopo sedici anni da protagonista a livello internazionale, è il momento giusto per lei.
Una carriera lunghissima per la trentacinquenne lanciatrice di Lahr Schwarzwald, iniziata con l’ottavo posto dei Mondiali Juniores di Santiago del Chile nel 2000 e

Barbara Spotakova
Barbara Spotakova

che qualche giorno fa l’ha vista nuovamente ottava alle Olimpiadi di Rio. In mezzo un cursus honorum che racconta di un oro (Mosca 2013) e due argenti mondiali (Helsinki 2005 e Osaka 2007), un argento (Pechino) e un bronzo (Londra) alle Olimpiadi e due secondi posti ai campionati continentali (Barcellona 2010 e Helsinki 2012), e inoltre il quarto posto delle classifiche all time della specialità grazie al 70.20 dell’argento ai mondiali giapponesi. Un palmares straordinario e che sarebbe potuto essere ancora più ricco se non avesse trovato sulla sua strada una fuoriclasse come la ceca Barbara Spotakova che spesso le ha chiuso la strada verso il gradino più alto del podio nelle manifestazioni più importanti.
I nuovi progetti della Obergföll? Prima di tutto di fare la mamma.

“Ho scelto Berlino per mettere la parola fine perchè l’atmosfera che si respira all’Olympiastadion è veramente unica. E’ strano pensare che questa sarà la mia ultima gara, certamente sarò molto emozionata in pedana, ma al tempo stesso sono anche felice perchè avrò più tempo libero per occuparmi di mio figlio Marlon che ha due anni”

Buon proseguimento Christina.

Il post con cui Christina 0bergföll saluta i suoi fans
Il post con cui Christina 0bergföll saluta i suoi fans

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: