Cles 2016. Ragazzi di fatica: mezzofondisti e marciatori

Share on

Francesco Guerra foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo
Francesco Guerra
foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Le gare del mezzofondo sono difficilissime da pronosticare per le molte variabili da cui sono influenzate e il compito diventa ancora più arduo se il pronostico va fatto su gare della categoria Cadetti in cui la sapienza tattica degli atleti è ancora tutta da costruire. Tuttavia, dai riscontri che i nostri lettori ci danno, pare proprio che il nostro gioco dei pronostici stia piacendo molto e allora continuiamo a giocare.

1000 metri Cadetti
2:29.70 CALIANDRO Cosimo Sportilia 02/08/1997
Con i primi due delle liste, Guerra e Curti, che in quel di Cles saranno in altre faccende affaccendati, la gara sul chilometro vede in pole position il quattordicenne romano Antonio Feragnoli della Giovanni Scavo 2000 grazie al 2.37.23 messo a segno in primavera a Rieti. Una manciata di centesimi più indietro si trovano Suahil Haida (Pol. Bienate Magnago) e Claudio D’Amico (Virtus Acireale)e a circa un secondo e mezzo dalla Romagna arriva Anas Hali (Atl. Lugo). Nelle ultime gare nessuno di loro ha trovato il treno giusto per fare grandi tempi, situazione che potrebbe ribaltarsi completamente sull’anello trentino, ma che impedisce di fare previsioni oltre il seguire pedissequamente la classifica data dalle entry list.
Nel 2015 Abel Campeol (Atl. Ponzano) vinse in 2.35.22.

Gli iscritti

2000 metri Cadetti
Record Italiano 5:29.15 CHIAPPINELLI Yohannes Jesolo 06/10/2012

Il diretto interessato può fare tutti gli scongiuri che ritiene opportuni per quello che stiamo per scrivere, ma questa è una delle due incrollabili certezze che abbiamo

Yohannes Chiappinelli Foto Giancarlo Colombo
Yohannes Chiappinelli Foto Giancarlo Colombo

nel settore mezzofondo:
Francesco Guerra (Atl Frascati) sarà il prossimo Campione Italiano Cadetti dei 2000 metri. Ovviamente fatte salve situazioni eccezionali dovute a calamità naturali, guerre civili o simili.
I 22 secondi di vantaggio sul trentino Massimiliano Berti (S.A. Valchiese) sono una pietra tombale su qualunque ipotesi diversa che si volesse avanzare. La vera domanda è: riuscirà il frascatano a limare quei due secondi che lo separano dal record italiano di Chiappinelli? Di certo non potrà contare su nessun aiuto da parte dei compagni di gara, per provarci dovrà partire a spron battuto e correre contro il cronometro. Sulle altre posizioni possiamo soltanto sparare nel buio: tutti i migliori hanno dimostrato di stare bene negli ultimi giorni e dalla seconda alla settima posizione il distacco è di soli 5″, a fare la differenza sarà la condotta di gara e lo spunto sul finale dei singoli se il ritmo dovesse essere moderato.
La schedina: 1) Guerra; 2) e 3)…BOH!
L’oro dell’edizione 2015 andò al collo di Giulio Palummieri (Pol Bienate Magnago) in 5.47.62
Gli iscritti

Giorgio Braccia
Giorgio Braccia

1200 Siepi CadettiRecord Italiano 3:15.28 GUERRA Francesco Frascati 29/06/2016
Come abbiamo detto il frascatano Guerra cercherà di fare il bis di primati nazionali cancellando Chiappinelli dall’albo dei record sui 2000, ma non per questo la gara sulle siepi sarà povera di talenti, anzi. Il reggiano Jacopo Curti (Self Montanari, 3.24.08), che sarà l’alfiere dell’Emilia-Romagna nella gara per regioni, parte con circa un secondo e mezzo di vantaggio su un altro corregionale, il piacentino Pietro Ofidiani (Atl.Piacenza, 3.25.62). I due emiliani sono sembrati in gran forma ai campionati regionali, ma dovendo scegliere dove mettere la nostra fiche scegliamo il reggiano che ci sembra favorito in un eventuale arrivo spalla a spalla.
Appena dietro, entrambi con un PB di 3.25.80 ottenuto in un arrivo al fotofinish per il titolo regionale, si presentano i due laziali: Federico Nobili (Fiamme Gialle Simoni) e Massimo Flamigni (Runners Ciampino). Da non dimenticare anche il lombardo Giorgio Braccia (PBM Bovisio Masciago), campione regionale lombardo con 3.26.52, troppo vicino per escluderlo dalla corsa per le medaglie in un arrivo a ranghi compatti.
La nostra schedina: 1) Curti; 2) Ofidiani; 3) Flamigni.
Lo scorso anno la vittoria andò a Manuel Di Primio (Tethys Chieti) in 3.20.51
Gli iscritti

Marcia 5km Cadetti
Record Italiano 21:57.80 DIDONI Michele Nova Milanese 13/05/1989

Michele Didoni
Michele Didoni

Guardate la riga subito sopra. Il record italiano cadetti dei 5 chilometri di marcia ha compiuto 27 anni nello scorso maggio. Un bel po’ davvero. Chi può dire se Michele Didoni, quando lo ha stabilito, ha pensato che quello sarebbe stato il primo passo, è proprio il caso di dirlo trattandosi di un marciatore, verso una carriera che lo avrebbe portato a raggiungere i massimi vertici mondiali? In questi 27 anni in tanti hanno cercato di cancellare quel record ma nessuno ci è ancora riuscito, quest’anno a provarci sarà un ragazzo livornese che nella sua ultima gara ha già fatto un miglioramento strabiliante. Davide Finocchietti (Libertas Livorno) il 24 settembre a Grosseto si è migliorato di quasi 50″ arrivando a 22.11.36, riuscirà a toglierne altri 14 nei dodici giri e mezzo sulla pista di Cles? Tutta da vedere questa gara.
Secondo e terzo delle liste di iscrizione sono molto lontani e anche abbastanza staccati fra loro e a meno di crisi da parte di qualcuno o di interventi da parte della giuria questo dovrebbe essere il probabile ordine di arrivo: 1)Finocchietti; 2) Greco (Atl. Don Milani); 3) Arcangeli (Libertas Valmontone).
Nel 2015 il primo a tagliare il traguardo fu Riccardo Orsoni (Cus Parma) dopo 23.11.14.
Gli iscritti

Share on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: