San Marino 2017. Le piccole Olimpiadi in cima al Titano

Share on

San Marino 2017
Il logo della manifestazione
Mentre cresce l’attesa per i Giochi dei Piccoli Stati 2017, nella Repubblica si cercano volontari per la manifestazione

Se  eravate fra quelli che cullavano il sogno di Roma 2024, magari per far parte della crew che fa girare la macchina olimpica, molto probabilmente dopo il “niet” della sindaca Raggi condividete lo sconforto e il disappunto del Presidente Malagò, ma non dovete abbandonare ogni speranza. Quello che non si farà fra otto anni nella città eterna si farà, in misura ridotta e molto molto prima, nella più antica repubblica del mondo.
Dal 29 maggio al 3 giugno 2017 i Giochi dei Piccoli Stati d’Europa torneranno a San Marino e il comitato olimpico dell’enclave incastonata fra la Romagna e le Marche è alla ricerca di volontari che mettano a disposizione le loro capacità e il loro entusiasmo per far girare al meglio gli ingranaggi di una kermesse piuttosto impegnativa.
La replica numero diciassette delle “Olimpiadi” dei paesi europei con meno di un milione di abitanti  è la terza ospitata sul Monte Titano e basta passare in rassegna alcuni dati per comprendere che sia tutt’altro che una “piccola” manifestazione. Quelli già certi parlano di nove paesi partecipanti, di tredici discipline sportive e di dodici location pronte ad ospitarle, quelli ancora da determinare sono il numero degli atleti in gara (gli organizzatori ne stimano più di mille) e quello di quanti saranno coloro che vorranno mettersi a disposizione gratuitamente. Due anni fa in Islanda si superò il record di mille addetti, i manager dell’evento sammarinese puntano a raggiungere quota ottocento come avvenne nell’edizione lussemburghese del 2013, un numero che dovrebbe garantire che tutto fili liscio e senza intoppi.
La lista dei compiti è lunga e varia e gli uomini del Cons sono a caccia di “personale” sia per il backstage (addetti

La serie di francobolli celebrativi della prima edizione dei Giochi
La serie di francobolli celebrativi della prima edizione dei Giochi

ai trasporti, personale di segreteria, addetti stampa per coadiuvare il lavoro dei giornalisti italiani e stranieri…), sia per ruoli sotto i riflettori: ragazze di bella presenza per fare da hostess per le premiazioni e giovani che si prestino a indossare il costume della mascotte Sammy.
I requisiti per candidarsi sono la maggiore età, la propensione al lavoro di squadra e per certi ruoli la padronanza dell’inglese, non è necessario invece essere cittadini sammarinesi.
La prossima tappa è prevista per il 29 novembre, data entro la quale i vari comitati olimpici dovranno inviare le liste degli atleti partecipanti, nel frattempo i responsabili dei Giochi, pur mantenendo il massimo riserbo sui dettagli, hanno svelato quello che sarà il fulcro della cerimonia d’apertura al San Marino Stadium. “Toghether”, questo il tema dello spettacolo affidato come accadde per l’edizione 2001 alla regia del romano Vittorio Picconi, il grafico e creatore di eventi noto al grande pubblico per essere stato l’ideatore della mascotte di Italia ’90.
Per far parte di quel “toghether” il primo passo è quello di inviare la propria candidatura compilando il modulo sul sito della manifestazione (www.sanmarino2017.sm/diventa-volontario).
Lo stadio Olimpico di Serravalle non è certamente come quello in riva al Tevere, ma se volete vivere un emozione a cinque cerchi questa può essere un’occasione da non perdere.

Sammy, il geotritone mascotte della manifestazione
Sammy, il geotritone mascotte della manifestazione

Share on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: