Doping. Stop di tre mesi alla Harper-Nelson

Share on

Dawn Harper-Nelson
Dawn Harper-Nelson
L’improvvisa defezione dell’olimpionica attesa alle Nitro Series aveva suscitato molti dubbi

Qualche giorno fa Dawn Harper-Nelson ha annunciato, in extremis e senza dare spiegazioni sui motivi, che non avrebbe partecipato alle Nitro Series di Melbourne. Una assenza improvvisa che aveva lasciato più di una perplessità visto che il suo era uno dei nomi più importanti in cartellone a fare da cornice a Sua Maestà Bolt.
Tuttavia il mistero non è durato a lungo.
La trentatreenne di East St Louis  ha sempre avuto un grande feeling con gli ostacoli, nel suo palmares figurano la medaglia d’oro di Pechino e quella d’argento di Londra, ma  il 1 dicembre scorso è inciampata in una barriera che non è riuscita a superare: un controllo in cui è risultata positiva all’idroclorotiazide, un diuretico proibito dalle direttive internazionali antidoping.
La statunitense ha dichiarato che il farmaco, che non ha effetti diretti sulla prestazione, le era stato prescritto da un medico di pronto soccorso per curare un problema di ipertensione e che, prima di assumerlo, aveva cercato di verificare se contenesse sostanze proibite.
Secondo la Harper-Nelson, che ne ha sempre dichiarato l’utilizzo come previsto dai regolamenti,  la sua indagine non avrebbe dato esito per il fatto di aver usato termini di ricerca parziali o non del tutto corretti che avrebbero falsato i risultati.
L’olimpionica, a cui è stata comminata una sospensione di tre mesi, si è assunta la piena responsabilità di quella che ha definito una incomprensione da parte sua delle corrette pratiche burocratiche e ha collaborato con

Il tweet della Harper-Nelson

la Iaaf e l’Usada, l’agenzia antidoping a stelle e strisce, per fare luce sull’avvenimento.
“Ho imparato una lezione importante – ha twittato l’americana – e spero che il mio errore possa servire da promemoria a tutti gli atleti perchè pongano la massima attenzione verso i farmaci che gli vengono prescritti”

Tutte le foto sono state reperite tramite la ricerca immagini di Google e, ove possibile, è stato segnalato l'autore.Se non diversamente indicato sono da attribuire a Colombo/Fidal. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via e-mail. Saranno immediatamente rimosse

Share on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: